Psicoterapia online ai tempi del Coronavirus

Durante questo periodo di quarantena dovuto al diffondersi del Covid-19, la più grande e drammatica emergenza sanitaria del nostro periodo storico, ognuno di noi è invitato a restare in casa per evitare di contrarre il virus e limitare il diffondersi del contagio.

In queste giornate difficili, però, il virus non è l'unico rischio per la nostra salute: dobbiamo continuare a difendere il nostro organismo e il nostro benessere psicologico. Molti professionisti della salute possono portare avanti il loro lavoro online, continuando così ad assistere i propri pazienti anche da casa.

Psicoterapia-a-dist.jpg

Le diverse forme di EBT&I – Electronic-Based Therapy & Intervention sono emerse già da tempo, soprattutto in riferimento alla necessità di offrire un servizio di psicoterapia e/o di counseling psicologico a persone che si trovano impossibilitate a muoversi, che risiedono in luoghi in cui non vi sono terapeuti, che hanno necessità di dialogare nella propria lingua, risiedendo in un paese di lingua o cultura diversa dalla propria, fino a coloro che trovano più agevole confrontarsi attraverso il “filtro” tecnologico piuttosto che accomodarsi fisicamente nello studio dello psicoterapeuta.

Altre situazioni in cui questa specifica forma di telepsicologia – da collocarsi nell’area della e-health / interactive healthcare, cioè dell’impiego delle tecnologie della comunicazione finalizzate alla promozione della salute e alla prevenzione degli stili di vita dannosi - assume una funzione importante, sono quelle che stiamo oggi vivendo in Italia e che vedono la ri-scoperta delle varie tipologie di PaD - Psicoterapia a Distanza, terapia online, consulenza psicologica via internet o, più in generale, psicologia online e cybertherapy.

consulenza psicologica online.jpg

La differenza di base che si deve delineare nell’ambito della terapia/consulenza a distanza sta nell’utilizzo di strumenti che permettono il contatto visivo, come la piattaforma Skype e simili (alcune delle quali nate per essere utilizzate da psicologi), rispetto ad altri, come il classico telefono ma anche le e-mail, che non consentono un’interazione audio-video. La consulenza telefonica ha rappresentato la prima forma di contatto indiretto ed è ancora oggi utilizzata, ad esempio, dai centri di ascolto e di sostegno, molto meno dai professionisti. L’area della cosiddetta e-therapy copre invece le interazioni che possono essere realizzate per mezzo delle tecnologie di interazione a distanza supportate dall’audio-video, nell’ambito delle forme computer-mediated (includendo anche sistemi più sofisticati come le VC o videoconferenze).

Credo che si possano individuare almeno quattro opinioni diverse relativamente alla psicoterapia online, del genere audio-video, oltre a coloro che non prendono affatto in considerazione ogni forma di terapia che impedisca il classico setting “in presenza”: (1) professionisti che usano questo format in ogni situazione, giudicandolo adeguato in generale; (2) professionisti che utilizzano la PAD solo nei casi in cui non se ne può fare a meno e per il tempo strettamente necessario; (3) professionisti che seguono le preferenze del paziente e che applicano la PAD anche se sarebbe possibile realizzare un setting classico; (4) professionisti che operano dei distinguo rispetto a uno o più delle seguenti variabili: tipologia dei pazienti, forme di aiuto (consulto one shot, consulenza, terapia a breve, medio o lungo termine), oggetto della richiesta di aiuto (psicopatologia del paziente), tipologia dei device da poter utilizzare.

Vantaggi, potenzialità, limiti e difetti di ogni tipologia di intervento psicologico online sono oggetto di studi internazionali da almeno due decenni, ma sicuramente ciò che indirizza il professionista in un verso o in un altro è la visione teorico-metodologica della terapia psichica, stante anche il fatto che vi sono orientamenti teorici, e tipologie di terapia, che meglio di altri si prestano a tale forma di intervento (v., ad esempio, gli interventi di psicoeducazione). In linea generale, sono i terapeuti cognitivo-comportamentali a vedere in una luce favorevole la psicoterapia a distanza, mentre solo di recente sono stati pubblicati studi basati sulla terapia psicodinamica.

Probabilmente, oggi, nello specifico ambito delle psicoterapie, l’orientamento più diffuso è quello di coloro che utilizzano le piattaforme di comunicazione a distanza al fine di non interrompere il percorso a fronte di difficoltà esterne – come l’attuale Covid-19 – oppure relative all’impossibilità di spostarsi del paziente (più raramente, del terapeuta). In altri casi la terapia online è attivata semplicemente per coniugare esigenze diverse della coppia terapeuta-paziente, ad esempio nei periodi di ferie o di spostamenti territoriali del professionista o del paziente di lungo periodo.

Naturalmente, anche gli interventi di psicologia clinica a distanza devono rispettare le normative etico-professionali internazionali e locali, oltre ad essere conformi con le leggi nazionali, e al proposito è interessante consultare le linee guida della American Psychological Association

https://www.apa.org/practice/guidelines/telepsychology

Da notare che le modalità di rapporto professionale online sono normalmente utilizzate al di fuori dell’area clinica, ad esempio in talune applicazioni della psicologia delle organizzazioni, al fine di non interrompere i percorsi di Executive Coaching con manager che si spostano a livello internazionale, oppure utilizzando le virtual class nell’ambito della formazione (FaD – Formazione a Distanza), e anche nell’ambito della psicologia dell’educazione, per supportare gli studenti con i quali è complicato, o impossibile, mantenere un rapporto faccia-a-faccia: un’evenienza quanto mai attuale!

Articolo di Andrea Castiello d’Antonio Psicologo clinico e Psicoterapeuta. Psicologo delle organizzazione, Consulente di Management e Executive Coach. Esperto di diagnosi psicologica, testing e psicologia dell’aviazione. Già Professore Straordinario di Psicologia presso l’Università Europea di Roma

www.castiellodantonio.it

Per approfondire questo argomento ti consigliamo anche: Psicoterapia a distanza ai tempi del Covid-19