LIBRI PER LA MENTE: "Aggressività, angoscia, senso di colpa", "Cogito ergo soffro" e "Sentirsi in colpa"

Acuti osservatori dell’animo umano, i letterati, prima degli psicologi, si sono avventurati a raccontare il senso di colpa: da Fëdor Dostoevskij in Delitto e castigo a Edgar Allan Poe in Il cuore rivelatore, per limitarci a due esempi celebri. In questi racconti, gli autori conducono abilmente il lettore a scandagliare le pieghe dell’animo umano, tra le zone d’ombra e precipizi in cui i protagonisti si perdono, lancinati da rimorsi, dubbi e tormenti. Bisogna arrivare a Freud, grandissimo estimatore (non a caso) del romanziere russo, per indagare il senso di colpa con strumenti diversi da quelli del racconto: la metapsicologia e la psicoanalisi.

Ma il senso di colpa, in quanto esperienza interiore profondamente soggettiva, resta difficile da decifrare pienamente. Non solo perché frutto delle convinzioni dell’individuo, ma anche perché alimentato da relazioni in cui l’altro può svolgere un ruolo attivo nell’instillare rammarico. Ecco così che da vissuto individuale il senso di colpa diventa dinamica relazionale. 

Nei tre libri che seguono vedremo come conoscere e gestire i sensi di colpa. 

284 Aggressività_cogito_sentirsi in colpa.jpg

aggressività.jpg AGGRESSIVITÀ, ANGOSCIA, SENSO DI COLPA

Tra gli psicologi psicodinamici, forse nessun altro come Melanie Klein ha indagato così profondamente il senso di colpa. Tassello fondamentale della teoria kleiniana, il senso di colpa scaturisce come effetto delle pulsioni aggressive dell’individuo. O, come dice l’autrice nel saggio Aggressività, angoscia, senso di colpa: «Il senso di colpa è, a mio parere, sostanzialmente determinato dalla sensazione che il male procurato all’oggetto d’amore sia causato dagli impulsi aggressivi del soggetto». 

Per la Klein, il senso di colpa è maggiore quanto maggiori sono le rappresaglie aggressive – vere o immaginate, poco importa ai fini del vissuto psichico – del bambino verso la madre. Ed è a partire da questa modalità relazionale che poi i rapporti adulti risulteranno fortemente influenzati, portando il soggetto a vivere le relazioni con gli altri in maniera problematica, perché appesantito costantemente dall’ombra di una colpa che spesso fatica a esprimere e a dissolvere. 

Aggressività, angoscia, senso di colpa - Melanie Klein, Bollati Boringhieri, 113 pp., 12 €

Freemium

Vuoi proseguire la lettura?

Accedi per leggere l’articolo completo. Altrimenti crea un account sul nostro sito e scopri tutti i vantaggi riservati agli utenti registrati.

Accedi

Questo articolo è di Davide Lo Presti, Luca Mazzucchelli ed è presente nel numero 284 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui