Rischi e trasgressioni in adolescenza

Quasi tutte le trasgressioni commesse dagli adolescenti costituiscono una anticipazione esasperata dei comportamenti tipici dell’adulto. Insomma, goffi tentativi di conseguire una maturità adulta che in realtà è avvertita come irraggiungibile.

rischi e trasgressioni in adolescenza.jpg

Recenti fatti di cronaca hanno riportato all’attenzione del mondo adulto la facilità con cui gli adolescenti possono mettere pericolosamente a rischio il loro progetto di crescita, la loro salute e persino la loro vita. Genitori e insegnanti hanno appreso in cosa consista il “blackout game” dalla tragica esperienza di un ragazzo a cui tale pratica di auto-soffocamento è costata la vita, e quanto estrema possa diventare la mania dei selfie dall’eventualità che sia stato per questo che un altro ragazzo è precipitato nel condotto d’aria di un centro commerciale. È vero che i ragazzi di oggi, forse perché più fragili, si mettono maggiormente a rischio che in passato? Si rendono conto delle possibili conseguenze delle loro azioni?

RISCHI E TRASGRESSIONI FRA I NATIVI DIGITALI

I comportamenti a rischio, trasgressivi e dirompenti caratterizzano l’adolescenza da sempre, in ogni epoca e in ogni cultura. Vi sarebbe una naturale inclinazione al rischio, che trova un substrato neurobiologico nei cambiamenti cerebrali degli adolescenti ed è ben resa da Steinberg (2014) con un’eloquente metafora: guidare un’automobile con un motore molto potente, un acceleratore sensibile e freni non ancora perfettamente funzionanti. Inoltre, dato che anche se i freni ci sono e funzionano bene non è detto che l’adolescente sappia usarli, bisogna aspettare fino a dopo i 20 anni, quando la corteccia pre-frontale raggiunge la sua definitiva stabilità, per potersi realisticamente aspettare che un ragazzo sappia valutare le conseguenze a lungo termine delle proprie decisioni. 

Premium

Vuoi leggere la versione completa dell’articolo?

Accedi al sito se hai già un abbonamento alla rivista oppure personalizza il tuo piano e abbonati subito.

Accedi

Questo articolo è di Mauro Di Lorenzo ed è presente nel numero 271 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto