Parliamo di sesso. Ma bene

Il sesso non ha bisogno di strane parafilie per essere “insolito”: a volte basta averne una visione fuori del comune.

parliamo di sesso.jpg

Con i suoi simboli, disagi, metafore e potenti archetipi, la sessualità gioca un ruolo centrale ben noto nella psicologia dell’individuo. È ragionevole, quindi, che anche la pratica si concentri su questo aspetto, spesso a discapito dell’approccio sociale, che studia come l’ambiente nel quale si è immersi contribuisca notevolmente a plasmare le nostre convinzioni e idee sul sesso. Vi è tuttavia un ulteriore lato della questione, forse ancor più negletto benché di importanza critica: il modo in cui la visione personale della sessualità impatta sulla società stessa, plasmandola con conseguenze profonde per il benessere tanto collettivo quanto individuale.

Si tratta di una dinamica circolare in cui i media (e chi li controlla) rappresentano il fulcro che permette di formare le nostre opinioni e le rilancia su larga scala. Esaminiamone gli effetti, per esempio su una bambina di oggi, basandoci su dati obiettivi spogliati di interpretazioni partigiane. 

Poiché solo il 15% delle scuole nel mondo ha un programma di educazione alla sessualità e, in Italia, pressoché nessun genitore parla realisticamente di sesso e affettività con i figli, la sua unica formazione deriverà dalla pornografia, cui sarà esposta fra i 9 e gli 11 anni online, probabilmente su smartphone.

Riceverà il primo messaggio esplicito a 12 anni. Col tempo le sembrerà normale, perché nel 7.1% dei casi la cosa evolverà
in vero e proprio stalking
 prima che compia 17 anni. Queste persecuzioni, crescendo, colpiscono adddiritttura il 16.1% delle donne.

Il primo rapporto sessuale completo avverrà attorno ai 15 anni, con un ragazzo di tre o quattro anni più grande. Poiché, al riguardo, entrambi non avranno ricevuto alcuna formazione aderente alla realtà, più che dimostrarsi affetto lo vivranno come una performance atletica e di “superamento dei limiti”, proprio come nei video porno di cui saranno ormai esperti.

Premium

Vuoi leggere la versione completa dell’articolo?

Accedi al sito se hai già un abbonamento alla rivista oppure personalizza il tuo piano e abbonati subito.

Accedi

Questo articolo è di Ayzad - ed è presente nel numero 271 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto