Un Natale da leggere

Indecisi su cosa regalare a Natale? Un libro è sempre un’ottima idea. Ecco dunque una carrellata di libri di psicologia, completi di suggerimenti sul "perché" e "a chi" regalarli.

A-natale-regala-un-libro.jpg

Indecisi su cosa regalare a Natale? Un libro è sempre un’ottima idea! E non solo per Natale, ma anche nelle varie occasioni di festa, ai compleanni. Perché un libro “è per sempre”, ci aspetta sullo scaffale per essere aperto quando siamo “pronti”, per essere riletto quando ne abbiamo bisogno, per essere condiviso e raccontato. Un libro permette di fare incredibili viaggi senza mai alzarsi dal divano, di scoprire terre sconosciute e sentieri inesplorati di noi stessi, di ritrovare tra le righe parti di noi o di scovare strategie per affrontare i momenti difficili. E chi li regala pensa (e sa) di donare qualcosa di più di semplici parole scritte, convinto che chi li riceva possa rintracciare in quel libro qualcosa che rassereni o permetta di staccare la spina, che rilassi e diverta, ma anche che risuoni in qualche misura in lui/lei, che attivi nuove riflessioni, e avvii cambiamenti, che apra nuova prospettive.

Quindi, vi proponiamo alcuni titoli “atipici” che potrebbero essere messi sotto l’albero. All’apparenza potranno sembrare non adatti a chi non è già appassionato di psicologia, perché non si tratta di romanzi o dell’ultimo bestseller. Eppure, i saggi che parlano di aspetti e dimensioni psicologiche, di vita ed emozioni, di commistioni tra normalità e patologia possono incuriosire, aprire a nuovi mondi, aiutare ad affrontare un periodo difficile, insegnare strategie per sostenere il benessere, “illuminare” zone poco esplorate, far scoprire interessi nuovi o vecchie passioni.

8644604761e14327a86d6c0727e301e4.jpg

ZIMBARDO. MEMORIE DI UNO PSICOLOGO, Philip G. Zimbardo

In un dialogo diretto e spontaneo, il leggendario psicologo americano Philip Zimbardo racconta della propria vita e professione: l’infanzia trascorsa nel Bronx, la formazione universitaria a Yale, l’amicizia con Stanley Milgram, la nomina presso la facoltà di psicologia di Stanford, il percorso di ricerca e i suoi contributi nell’ambito della psicologia e nel contesto dell’attività accademica, ma anche il coinvolgimento in forme di attivismo politico, dall’incontro con Malcolm X fino alla stesura di un articolo sulla salute mentale del Presidente Donald Trump, pubblicato su Psychology Today. Ne emerge una raccolta di memorie ricca di storie commoventi e di riflessioni acute sulla sua carriera e sulla sua eredità intellettuale. Il testo – a cura di Daniel Hartwig – è in forma di intervista e rientra nel Programma di “Storia orale” della Stanford Historical Society in collaborazione con gli archivi della Stanford University.

Perché regalarlo
Perché Zimbardo, come abbiamo detto prima, è uno dei più importanti psicologi al mondo e questa autobiografia in forma di intervista ci fa sbirciare nella vita dell’uomo e non solo del professionista, scoprendo curiosità, aspetti interessanti della sua vita e del suo lavoro, retroscena delle sue ricerche più famose.

A chi regalarlo
A chi è appassionato di psicologia, ma anche a chi ne è incuriosito o affascinato, per conoscere la vita e le ricerche di uno degli psicologi più all’avanguardia nel panorama moderno e ritrovarci i “pezzi” della storia della psicologia.

Zimbardo. Memorie di uno psicologo - Philip Zimbardo, Intervista a cura di Daniel Hartwig (Stanford Univeristy),  352 pp.,  26.00 €

 

 

3ba50c87fe274f449c0fe73571977cee.jpg

LA CURA DEL TEMPO; VIVERE E AMARE, Philip G. Zimbardo

“Quando siamo sopraffatti da eventi negativi accaduti nel passato, o da situazioni attuali che ci appaiono soverchianti, è facile commettere degli errori, perdere la prospettiva temporale e allontanarci

da coloro che, una volta, sentivamo vicini. Pensiamo che nessuno ci comprenda, oppure che dobbiamo confrontarci con una vita troppo difficile da affrontare”. Ma spostando la nostra attenzione dalla negatività del passato e rintracciandone i momenti positivi, 80d2c5ac8c20417a82f2609ed55859fe.jpg è possibile avere una visione più equilibrata della nostra vita e quindi migliorarla significativamente. La terapia della prospettiva temporale sposta l’attenzione dal passato al presente, dal negativo al positivo, aprendo la strada al meglio che deve ancora arrivare: il futuro.

Grazie al racconto di esperienze reali, i volumi mostrano come la prospettiva temporale possa aiutare chi ha bisogno di superare le esperienze di un passato negativo – partendo dal disturbo post-traumatico da stress in La cura del tempo e ampliandosi a molte altre le situazioni, dalle relazioni tossiche al bullismo, dallo stress alla depressione in Vivere e Amare – per indirizzarsi verso un futuro più positivo, riducendo i disturbi non solo nell'immediato ma anche nel lungo termine.

Perché regalarli
Perché Zimbardo è uno dei più importanti e famosi psicologi viventi e propone strumenti semplici ed esempi di vita reale che si sono dimostrati efficaci. E perché conoscere come poter intervenire su alcuni aspetti “negativi” della nostra esistenza è un passo necessario per avvicinarci a una vita più consapevole, piena e serena.

A chi regalarli
A chi ha bisogno di una “dose di positività” per riuscire a cogliere un’immagine migliore della propria vita e apprezzare il presente e, quindi, per vivere una vita più equilibrata. A chi è bloccato da un passato difficile e/o traumatico che ne condiziona il presente ma desideri un cambiamento, ma anche a chi abbia uno dei propri cari “bloccato” in un passato negativo e voglia comprenderlo meglio, per riuscire, lui stesso, a vivere una vita più equilibrata.

Vivere e amare - Philip Zimbardo e Rosemary Sword, 256 pp., 20.00 €
La cura del tempo - Philip Zimbardo, Richard Sword Rosemary Sword, 352 pp., 24.00 €

 

 

27bcd8cbbd6340d68fcec02827aa544d95472K.jpg AGILITÀ EMOTIVA, Susan David

Il percorso verso la realizzazione personale e professionale raramente è lineare. Chiunque abbia raggiunto obiettivi importanti o abbia relazioni appaganti ha dovuto fare molte e inaspettate deviazioni prima di ottenere simili risultati. Cosa distingue chi supera queste sfide da chi finisce fuori strada? La risposta è l’agilità emotiva. Non importa quanto le persone siano intelligenti o creative, o che tipo di personalità abbiano, ciò che determina quanto successo avranno dipende da come “navigano” nel loro mondo interiore, quindi quanto sono agili emotivamente. Le persone che hanno agilità emotiva non sono immuni dallo stress e dalle sconfitte. Anzi. Però sono in grado di fare piccoli ma significativi passi che conducono a una vita in continua crescita. Rendendo più accessibile lo spazio tra il modo in cui si percepiscono le emozioni e ciò che si fa in relazione a quei sentimenti, l’agilità emotiva si è dimostrata in grado di aiutare le persone in numerose situazioni critiche: immagine di sé negativa, delusioni d’amore, dolore, ansia, depressione, procrastinazione, momenti di transizione particolarmente difficili e così via. E non procura vantaggi solo a chi affrontano momenti di difficoltà, ma è utile anche per raggiungere i propri traguardi e realizzarsi.

Perché regalarlo
Perché prendere consapevolezza e conoscere meglio le proprie emozioni consente di imparare ad accettare anche quelle più complesse e difficili da gestire, riuscendo a vivere al meglio e con più serenità le proprie esperienze vita, oltre che a migliorare la propria capacità di godere delle relazioni e di raggiungere i propri obiettivi.

A chi regalarlo
A chi sta attraversando un momento difficile della propria vita e si sente in balìa di emozioni che non sa gestire o sente di essere “chiuso” alle emozioni, bloccato o spaventato, per imparare a guardare in se stesso senza paura. E anche a chi ha voglia di mettersi in gioco e di migliorare la propria capacità di affrontare la vita, ma ancora non ha trovato le strategie adatte per farlo.

Agilità emotiva - Susan David, 288 pp., 18.00 €

 

 

acaf1aa925fd4350b415e637d9e5daf1.jpg

FATTI DI QUOTIDIANA FOLLIA, Liliana Dell’Osso

Ci sono avvenimenti fuori dal comune che coinvolgono e stravolgono le persone, magari anche all’improvviso cambiando il corso degli eventi fino a un attimo prima lineari e prevedibili. Attacchi terroristici, omicidi, ma crimini o gli abusi derivati dalla violenza di genere, bullismo e molti altri ancora. Sono fatti spesso incomprensibili, che ci appaiono lontani dalle regole che governano il corso delle vicende umane. Li apprendiamo con inquietudine e preoccupazione. I giornalisti, per raccontarli, parlano per esempio di “mostro della porta accanto”, “raptus dell’uomo perbene”, ma sono espedienti che celano il grande universo dell’umano sentire. A ben vedere, questi fatti abnormi possono essere analizzati sotto una luce diversa: quella della psichiatria. La “quotidiana follia” non è uno strappo nell’ordine della natura, ma emerge in continuità con le vicende della vita; tuona a lungo nella mente prima del temporale. Se si ascolta con attenzione, si può avvertire precocemente un rumore lontano: una lunga ombra di predittori e segnali che precedono, talora di decenni, il fatto. E dietro l’anomalia si scopre un fenomeno con regole specifiche. L’ordine prevale, persino sulla follia.

Perché regalarlo
Perché capire, almeno in parte, che cosa causa eventi imprevedibili e che sembrano incomprensibili e cogliere cosa spinge le persone a compiere gesti efferati aiuta a dare una lettura migliore del mondo che ci circonda e un senso a eventi che altrimenti non lo avrebbero.

A chi regalarlo
A chi è appassionato di crimini e delitti ed è interessato a capire che cosa si cela “dietro” alcuni episodi di cronaca che hanno sconvolto l’opinione pubblica.
A chi non si perde una puntata delle trasmissioni sui misteri insoluti e cerca di comprendere che cosa muove le persone a compiere crimini più o meno efferati.

Fatti di quotidiana follia - Liliana Dell'Osso, 160 pp., 16.00 €

 

 

b30204ad950e4a64961cde87f0024b4695565G.jpg IL LATO POSITIVO DELLO STRESS, Kelly McGonigal

“'Lo stress fa male al cuore, lo stress è causa di insonnia, lo stress è... tossico”. E se tutto questo fosse sbagliato? Se cambiare la nostra opinione sullo stress ci rendesse più felici, più sani e più capaci di raggiungere i nostri obiettivi? Questo libro offre una prospettiva completamente nuova: ci rivela il lato positivo dello stress e ci mostra come sfruttarne i vantaggi. Lo stress non è sempre nocivo, in molti casi ci rende più forti, più intelligenti e più felici. Può favorire le interazioni sociali e rafforzare l'empatia. Dunque, invece di cercare una via di fuga e di evitarlo, possiamo accettarlo in modo che diventi un alleato per il nostro benessere.

Perché regalarlo
Perché imparare a convivere con lo stress, compagno ineluttabile di molte esistenze, e conoscerne anche gli aspetti “benefici” può aiutare a usarlo per ottenerne dei vantaggi e a sfruttarlo al meglio per gestire le condizioni di stress, affrontare alcune sfide della vita, impiegare meglio l’energia che ne deriva senza esaurirsi, trasformare le esperienze stressanti in opportunità che favoriscono la connessione sociale invece dell’isolamento.

A chi regalarlo
A chi è sempre stressato e avrebbe bisogno di una vacanza di un anno per riprendersi.
A chi realmente sperimenta in modo continuativo alti livelli di stress e avrebbe bisogno di trovare una fonte di benessere.
A chi è ostaggio dello stress e ha necessità di imparare a gestirlo e a incanalarlo in modo efficace.

Il lato positivo dello stress - Kelly McGonigal, 304 pp., 20.00 €

 

 

ef09606b2f6b4922bb740e850a48fa7595640K.jpg

IL CASO COCO CHANEL, Liliana Dell'osso, Dario Muti, Barbara Carpita

Icona di stile ed eleganza, donna geniale e con un carisma irresistibile, dicono di lei che abbia liberato le donne dai corpetti, aprendo loro la via di un'epoca nuova. Chi la conosceva, la definiva “insopportabile”, bizzarra, a volte persino crudele. Molti hanno riconosciuto la sua indubbia genialità, pochi hanno compreso appieno la sua opera e forse nessuno l’ha capita in quanto donna. Capace di esprimere originalità ed energia senza precedenti, ancora oggi la sua esistenza rimane un mistero abilmente dissimulato. Dunque, chi è davvero Coco Chanel? Il libro ricostruisce la psicobiografia di Gabrielle Bonheur Chanel, raccontando il vissuto della stilista e la dissonanza fra la vita pubblica e privata, che aumenta più ne cresce la popolarità, e approfondendo il nesso fra sintomatologia psichiatrica e creatività.

Perché regalarlo
Perché propone una lettura “nuova” dell’icona contemporanea dello stile e dell’eleganza e restituisce un’immagine reale di donna forte e fragile al tempo stesso, che diventando Coco affascina il mondo. Perché sapere cosa ha reso una donna una leggenda e quali problemi ha vissuto e affrontato ci aiuta a vedere le nostre vite come meno “tristi”.

A chi regalarlo
A chi ama le biografie dei grandi personaggi e a chi è incuriosito da questa donna geniale che ha avuto una vita piena di colpi di testa, grandi successi e amori. Ma anche a chi è interessato al “lato oscuro” di chi ha raggiunto le vette del successo e a indagare i legami tra genio e sregolatezza, tra creatività e disturbi psichici.

Il caso Coco Chanel - Liliana Dell'Osso, Dario Muti e Barbara Carpita, 170 pp., 16.00 €