Quando non si è d'accordo tra colleghi...non far finta di nulla

Nonostante i buoni propositi è inevitabile che nei contesti di lavoro emergano divergenze, contrasti o veri propri conflitti tra colleghi o con i superiori. Se essi perdurano il clima psicosociale tende rapidamente a deteriorarsi, si diffonde l’insoddisfazione, si lavora poco volentieri e con minore efficacia. 

quando non si è d'accordo tra colleghi.jpg

Le cause di cattive relazioni lavorative sono numerose. Ad esempio, cattive o scarse comunicazioni possono indurre i dipendenti a non capire cosa ci si aspetta da loro, a fare supposizioni inappropriate o a credere a dicerie e gossip sul posto di lavoro che sono il “terreno di coltura” per incrinare il clima di fiducia e sviluppare animosità.

Effetti analoghi si hanno quando non si accettano differenze di valori e interessi (ad esempio, tra giovani e anziani) o di personalità (ad esempio, la bassa socievolezza di qualcuno) o quando c’è un eccesso di competizione tra i dipendenti che può trasformarsi in rivalità incontrollate.

Credere che divergenze o conflitti svaniscano da soli è un errore comune. Proprio non facendo nulla spesso anche piccoli attriti possono diventare “conflitti sotterranei” mal controllabili.

Freemium

Vuoi proseguire la lettura?

Accedi per leggere l’articolo completo. Altrimenti crea un account sul nostro sito e scopri tutti i vantaggi riservati agli utenti registrati.

Accedi