Quando le terapie e i terapeuti creano dipendenza

Una galleria di tipologie di psicoterapeuta in cui tratti di personalità e caratteristiche relazionali di quest’ultimo squilibrano il rapporto con il paziente.

terapia-e-tarpeuti.jpg

L'antica regola benedettina indica che «errare è umano, perseverare è diabolico». Se quanto affermato fosse vero, la maggioranza degli esseri umani dovrebbe essere considerata diabolica, visto che tutti noi di frequente perseveriamo nei nostri errori, anche se ciò avviene ogni volta sulla base della convinzione di essere nel giusto. I terapeuti, purtroppo, in qualità di esseri umani non sono immuni dall’errore e soprattutto dalla diabolica tendenza al perseverare nell’errore con la convinzione di operare nel modo migliore. Naturalmente va sottolineato che l’errore è umano e che anche il terapeuta può fallire. Al di là delle differenze spesso evidenti fra modelli terapeutici, le caratteristiche personali e relazionali del terapeuta nella loro interazione con quelle del paziente rappresentano un elemento cruciale per l’efficacia della terapia, così come per il suo fallimento.

Nel presente articolo vogliamo tracciare ironicamente il profilo di alcune usuali tipologie di terapeuta, stilato sulla base delle caratteristiche di comunicazione e di atteggiamento assunte da chi si erge al ruolo di curatore dei disagi altrui. Questa classificazione, è ovvio, non dev’essere considerata esaustiva delle infinite possibilità di relazione esistenti nel contesto della comunicazione umana. Ciò nondimeno, con le tipologie che seguiranno riteniamo di poter descrivere gran parte degli stili personali rinvenibili all’interno delle categorie dei cosiddetti “terapeuti della mente”. Resta inteso che, talvolta, una persona può interpretare contemporaneamente o in diversi spazi temporali più d’uno dei ruoli che andiamo a esporre. (CONTINUA...)

Premium

Vuoi leggere la versione completa dell’articolo?

Accedi al sito se hai già un abbonamento alla rivista oppure personalizza il tuo piano e abbonati subito.

Accedi

Questo articolo è di Giorgio Nardone, Vittorio Porpiglia ed è presente nel numero 273 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto