Non più coniugi, ma sempre genitori

L’affidamento condiviso dei figli nelle separazioniÈ auspicabile un affidamento con alternanza paritaria dei periodi trascorsi dai figli a casa dei due genitori separati?

non-più-coniungi.png

In Italia, dicono le statistiche, ci si sposa sempre meno e sempre più tardi, e tra chi è sposato ci si separa sempre più. Si riduce la durata dei matrimoni, ma anche l’età dei coniugi alla separazione e la durata dei procedimenti. L’instabilità della famiglia procede in parallelo al cambiamento delle sue forme: aumentano le unioni libere, i genitori single, le coppie ricostituite. Questi cambiamenti sono stati accompagnati da interventi normativi riguardanti il divorzio, la riforma del diritto di famiglia, la legge sull’adozione e l’affidamento dei minori. Nel 2006 fu introdotta una disciplina sull’affidamento condiviso dei figli, che una recente proposta di legge intende modificare proponendo – tranne casi eccezionali – un tempo di affidamento esattamente paritario dei figli ai due genitori separati, per superare definitivamente la persistente prevalenza dell’affidamento alla madre. (CONTINUA...)

Premium

Vuoi leggere la versione completa dell’articolo?

Accedi al sito se hai già un abbonamento alla rivista oppure personalizza il tuo piano e abbonati subito.

Accedi

Questo articolo è di Santo Di Nuovo ed è presente nel numero 274 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto