Migliora la tua storia d'amore guardando tante serie TV

Per una coppia, guardare insieme una serie tv è una buona occasione per condividere uno spazio e delle emozioni. Fino a che, però, non diventa la scusa per non parlarsi.

migliora-la-tua-sotria-d'amore-serie-tv.jpg

«Ho trovato l’amore!». La frase che avete appena letto è profondamente sbagliata. L’amore non si trova. L’amore si costruisce giorno per giorno tramite i comportamenti che destiniamo alla persona amata e rispondendo nel modo giusto alle sue intenzioni. Quindi, piuttosto che dire «Ho trovato l’amore», si dovrebbe dire di aver trovato una persona che immaginiamo varrà la pena di amare. Sarà nostra premura, poi, far sì che l’amore prosperi rigoglioso in questo rapporto. Insomma, l’amore non cade dal cielo.

Considerati questi presupposti, l’amore è impegnativo perché implica l’enorme responsabilità di tenerlo vivo. Ma ormai il fatto che le cose belle della vita costino fatica è quasi un proverbio e credo sia una nozione familiare alla maggior parte dei nostri lettori. Ciò che invece penso sia un concetto meno inflazionato è che esistono dei trucchi per fregare la vita, aggirare le responsabilità e ottenere quello che desideriamo divertendoci. Questo vale anche per l’amore. La dimostrazione di quanto affermato risiede in un’esperienza abbastanza comune a tutte le relazioni sentimentali. Ripensate al primo periodo del vostro rapporto di coppia, quello più passionale, in cui la sola idea del corpo della persona amata funge da calamita potentissima per tenervi incollati a lei o lui. In questa fase, chiamata innamoramento, di solito è molto semplice tener vivo l’amore, visto che non esiste niente di più facile che soddisfare i capricci del nostro sé biologico. La passione, che vive di scoperta, dopo un po’ non basta più. Da questo punto in poi diventa fondamentale impegnarsi per tenere vivo l’amore, e uno dei trucchi è divertirsi insieme, per esempio guardando in due tante serie TV.

Freemium

Vuoi proseguire la lettura?

Accedi per leggere l’articolo completo. Altrimenti crea un account sul nostro sito e scopri tutti i vantaggi riservati agli utenti registrati.

Accedi

Questo articolo è di Francesco Boz ed è presente nel numero 272 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto