Mamme blogger

Opportunità e rischi nel raccontare la propria famiglia online

Sono molte le mamme che parlano dei propri figli sul web e ogni tanto incorrono in un’incriminazione per lesione della privacy. Al di là di questo eccesso, il problema è che rischiano di spacciare il loro bambino per ciò che vogliono vedervi, più che per ciò che egli sente di essere.

mamme blogger.jpg

Un fenomeno crescente anche in Italia è il “mommy blogging”, la scelta di molte mamme di raccontarsi e di raccontare le vicende della propria famiglia online. Scrivere un diario è sempre stata una pratica comune per tante mamme. La psicologia ha infatti dimostrato da tempo che organizzare attraverso la scrittura i propri ricordi, emozioni e pensieri aumenta il benessere individuale e riduce il livello di stress. E dato che oggi praticamente tutte le mamme sono digitali – secondo una recente ricerca di FattoreMamma il 98% è dotato di smartphone – passare dalla scrittura di un diario al racconto su un blog è un processo indolore.

La ricerca di FattoreMamma descrive anche il profilo tipico delle mamme blogger: hanno tra i 35 e i 45 anni, per la maggior parte sono neomamme e nei loro blog parlano di maternità, figli e di come coniugare l’esperienza dell’essere mamma con il proprio percorso professionale. In generale, la principale motivazione che le spinge a raccontarsi in un blog è il desiderio di condividere la propria esperienza e di confrontarsi con chi sta facendo un percorso di vita simile.

Premium

Vuoi leggere la versione completa dell’articolo?

Accedi al sito se hai già un abbonamento alla rivista oppure personalizza il tuo piano e abbonati subito.

Accedi

Questo articolo è di Giuseppe Riva ed è presente nel numero 267 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto