LIBRI PER LA MENTE: "Un piccolo passo può cambiarti la vita" e "Gli affamati e i sazi"

Gli affamati_Un piccolo passo può cambiarti la vita.jpg

415vfuCPVBL.png UN PICCOLO PASSO PUÒ CAMBIARTI LA VITA

Se c’è una cosa che spaventa delle sfide è il loro presentarsi, talvolta, come minacciose e insormontabili. Grandi o piccole che possano apparire, contengono, per chi deve affrontarle, una dose di incertezza, di rischio che in alcuni casi può essere addirittura paralizzante. Come fare, allora, per lanciarsi all’avventura? Un piccolo passo alla volta, suggerisce Robert Maurer, docente della University of California, in questo preziosissimo libro. 

Quella dei piccoli passi, tecnica mutuata dalla filosofia Kaizen (“cambiamento continuo”), è una strategia che consente di approcciarsi al cambiamento in maniera graduale, apparentemente innocua ma decisa. Infatti, mentre un cambiamento grande può spaventare, mettendo in allarme il nostro sistema limbico, un piccolo passo può apparire più gestibile. Ma è proprio quel piccolo passo che avrà innescato un cambiamento prezioso, essendo riuscito nell’impresa di modificare lo status quo, introducendoci in nuove possibilità e nuovi mondi. Mondi che, un passo alla volta, potremo esplorare con fiducia.

Un piccolo passo può cambiarti la vita. Il metodo Kaizen applicato alla realtà di tutti i giorni di Robert Maurer Vallardi, 143 pp., 10 €

9719027_4059709.png GLI AFFAMATI E I SAZI

E se invece di rischiare la vita in mare si andasse in Germania camminando? In un prossimo futuro, l’Europa ha chiuso tutti i confini e creato uno sterminato lager a sud del Sahara per relegare i migranti, costretti a sopravviverci senza speranze né prospettive. Quando la star della televisione tedesca Nadeche Hackenbusch viene spedita lì per realizzare uno speciale proprio su di loro, quell’idea folle di andare in Germania a piedi viene a Lionel, uno dei migranti scelto come guida per la trasmissione. Il programma ha un tale successo da essere prolungato e le pressioni dei politici, che temono un’invasione di migranti, affinché chiuda non servono: Nadeche rimane, e quindi anche la TV. E sostiene l’idea, semplice e folle, di andare in Germania a piedi. Chi fermerebbe centinaia di persone che camminano nel deserto in diretta televisiva? E così 300 000 migranti arrivano al confine tra Austria e Germania. Ad aspettarli, una recinzione elettrificata lungo il confine per impedirne l’ingresso. Lionel e Nadeche hanno sfidato il governo, hanno messo in gioco sé stessi per dare speranza ai quei disperati che hanno camminato per più di un anno. È una sfida per superare le avversità e per il diritto a volere qualcosa di più della sola sopravvivenza, ed è anche una scommessa sul buon cuore delle persone. Ma è una sfida che possono vincere?

Gli affamati e i sazi di Timur Vermes - Bompiani, 512 pp., 22 €

Questo articolo è di Davide Lo Presti, Luca Mazzucchelli, Paola A. Sacchetti ed è presente nel numero 277 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto