Le false memorie

Ci sono situazioni quotidiane in cui l'eventuale incongruenza tra ricordo e fatto non costituisce per forza un problema. Opposto è il caso in cui la memoria in gioco sia quella di un testimone. 

le false memorie.jpg

Anni or sono, in un famoso processo, Gary Ramona, un importante manager vicepresidente della compagnia di vini californiani Mondavi, dovette difendersi dall’accusa di avere abusato sessualmente della figlia Holly quando era piccola.

L’accusa non nasceva da ricordi coscienti della figlia, ormai diventata donna, ma da memorie che nella giovane donna erano emerse durante la psicoterapia. Il dirigente era persona non solo facoltosa – e quindi tale da potersi permettere di pagare costosi esperti di parte –, ma anche convinta della propria innocenza e quindi volle portare la questione fino in fondo.

In tal modo intendeva pure riaversi dal danno economico causatogli dalla denuncia, dovuto alla perdita del posto di un lavoro che gli portava un’entrata annua di circa 400.000 dollari.

LA RESPONSABILITÀ DELLA TESTIMONIANZA

Come poteva sua figlia ricordare solo ora fatti così gravi e importanti? La psicoterapeuta, Isabella Marche, affermò convinta che si trattava di eventi così dolorosi da avere indotto la bambina ad allontanarli dalla coscienza e che la psicoterapia aveva avuto, appunto, la funzione liberatoria di far emergere questi ricordi ormai diventati inconsci.

La psicoterapeuta ammise altresì che, convinta che la guarigione psichica della ragazza - affetta da gravi disturbi alimentari - dovesse passare per la consapevolizzazione di ricordi infantili, aveva deliberatamente scavato a fondo in quella direzione. 

Il dottor Richard Rose, capo del servicio di psichiatria del centro dove Holly era curata, collaborò nell'intervento terapeutico e nell'indagine a ritrovo sui ricordi infantili con un aiuto farmacologico. 

Il processo, durato due mesi, vide il coinvolgimento di esperti della memoria i quali dimostrarono che, quando una persona è portata a considerare reiteratamente che un evento possa essere accaduto, progressivamente si convince che effettivamente esso è accaduto.

Premium

Vuoi leggere la versione completa dell’articolo?

Accedi al sito se hai già un abbonamento alla rivista oppure personalizza il tuo piano e abbonati subito.

Accedi

Questo articolo è di Cesare Cornoldi ed è presente nel numero 267 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto