La realtà e l’incubo

Ci sono dolorosi eventi infantili pronti a riaffiorare – magari sotto forma di incubi notturni – quando un recente accadimento ne attiva la rievocazione.

realtà-e-incubo.png

Uno dei meriti della psicoanalisi è quello di averci insegnato che non sempre i motivi dei nostri comportamenti sono evidenti, a volte sono nascosti non solo agli altri ma anche a noi stessi. Lo sono in particolare per certi comportamenti irrazionali, incomprensibili o bizzarri. Nascosti ma anche complicati, frutto, spesso, di più fattori tra loro interconnessi. Come il mitico Sherlock Holmes, quando andiamo alla ricerca dei motivi nascosti di comportamenti “incomprensibili” dobbiamo resistere alla tentazione di collegare immediatamente, in una relazione di causa-effetto, accadimenti vicini nel tempo; ma anche chiederci se esperienze precedenti, pure lontane, possono avere avuto un ruolo nel creare un terreno favorevole. È quanto emerge, per esempio, dal caso che passo a presentare. (CONTINUA...)

Premium

Vuoi leggere la versione completa dell’articolo?

Accedi al sito se hai già un abbonamento alla rivista oppure personalizza il tuo piano e abbonati subito.

Accedi

Questo articolo è di Anna Oliverio Ferraris ed è presente nel numero 273 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto