La paura dei buchi e i misteri della mente umana

Le angosce che affliggono la nostra civiltà sono numerose: da quella del buio alla fobia degli spazi aperti, passando per la paura di volare e il timore delle malattie. Alle bufale della rete siamo abituati ma la fobia dei buchi, meglio conosciuta come “tripofobia”, esiste realmente e risulta più diffusa di quanto si pensi.

tripofobia la paura dei buchi.jpg

Definita dagli psicologi come la “fobia dei pattern ripetitivi” è stata inclusa nel catalogo delle patologie mentali (DSM – 5) tra i disturbi d’ansia, accanto al disturbo da panico e all’agorafobia. “Chi soffre di questa condizione – spiega Renzo Lanfranco, psichiatra presso l’università di Santiago, Cile – inorridisce alla semplice vista di un alveare, così come delle innocue bolle di schiuma possono provocare un vero e proprio attacco di panico in soggetti particolarmente sensibili”.

Freemium

Vuoi proseguire la lettura?

Accedi per leggere l’articolo completo. Altrimenti crea un account sul nostro sito e scopri tutti i vantaggi riservati agli utenti registrati.

Accedi