Compersione batte romanticismo 3 a 0

La scelta è semplicissima (almeno in teoria): continuare a soffrire e far soffrire, oppure prendere esempio dalla sottocultura erotica del poliamore.

compersione-batte-romanticismo.jpg

Uno dei tantissimi aforismi che hanno conquistato a François de La Rochefoucauld il titolo di persona più citata sulla Settimana enigmistica recita: «Nella gelosia c’è più amore per sé stessi che amore» – e non ha torto. A ben guardare, questa emozione si fonda infatti sulla convinzione romantica di poter dare al partner ogni piacere che possa mai desiderare, ignorando un paio di fatti indiscutibili. Il primo è l’impossibilità di coltivare e impersonare tutte le caratteristiche – a volte perfino antitetiche – di cui possa avere bisogno una persona nell’arco della vita di coppia; l’altro è che il romanticismo è, etimologicamente e strutturalmente, l’esaltazione di scenari impossibilmente più grandi e intensi della vita vera: “come in un romanzo”, appunto. Solo che nel mondo reale quel tipo di Grande Amore tanto idealizzato si chiama “codipendenza” o “delirio a due”, e di norma conviene scapparne a gambe levate.

Torniamo quindi con i piedi per terra e consideriamo come la vera origine della gelosia sia il convincimento irrazionale di detenere un diritto esclusivo sulle attenzioni e l’affetto di un’altra persona – diritto che peraltro si scontra con il diffusissimo desiderio di concedersi flirt e avventure con altri partner. La causa può nascere dalla consapevolezza di avere investito molto nel rapporto e quindi di meritare fedeltà, ma ancora: di che tipo di investimento stiamo parlando? Scavando un po’, spesso si scopre che il riferimento è a rinunce a libertà personali piccole e grandi (di tempo, di interessi e – significativamente – affettive e sessuali) sacrificate sull’altare dell’Amore come dev’essere. Quindi, come ci hanno insegnato innumerevoli romanzi rosa e liti adolescenziali, anche geloso. Una bella trappola culturale!

Il piacere femminile.png

A livello razionale sappiamo come gran parte delle pene relative alla sfera dell’affettività e della sessualità derivi proprio dallo sforzo disperato di conformarsi a standard culturali, morali e narrativi idolatrati pressoché universalmente… ma anche radicalmente incompatibili con la natura umana. Da Esodo 20,14 («Non commettere adulterio») all’invenzione dell’amor cortese, agli attuali femminicidi quotidiani, è evidente che nessuna idealizzazione fermerà mai la sacrosanta necessità di cogliere conforti e piaceri differenti in persone differenti, e che la repressione non porti vantaggi concreti. Ma come si può spezzare questo circolo vizioso?

Una possibile risposta arriva dalla sottocultura erotica del poliamore o, come viene sempre più spesso chiamata, delle relazioni etiche non monogame. L’espressione non indica lo scambismo né le un po’ demodé “coppie aperte”, ma la scelta consapevole e dichiarata di condurre più rapporti paralleli. Alcuni possono essere più stabili e frequenti di altri; certe persone coinvolte possono avere a loro volta storie fra loro o all’esterno; le configurazioni possibili sono sostanzialmente infinite. Quel che rimane costante è l’approccio totalmente onesto fra i partner, che lungi dal tradire o avere scappatelle di nascosto si comunicano chiaramente ciò che fanno con gli altri, per il quieto vivere di tutti. Ci sono triadi o “famiglie” che vivono tranquillamente sotto lo stesso tetto, allevano figli insieme o altrettanto serenamente non fanno sesso – l’unico elemento comune è l’assenza di possessività.

Ciò non significa che il poliamore sia privo di problemi. Chi vive rapporti di questo tipo riconosce anzi le difficoltà insite nel rifiutare convenzioni sociali che spesso implicano la riprovazione di chi ha una visione meno tradizionale della vita, così come nel liberarsi di processi mentali pervasivi – quale, per l’appunto, la gelosia. Per quanto razionali possano essere, anche molti poliamoristi sono infatti occasionalmente preda dei suoi sintomi – solo che li affrontano attivamente, scegliendo di coltivare invece la compersione

Il fatto che il termine sia poco noto benché abbia più di mezzo secolo (il corrispettivo inglese è nato nella comune Kerista di San Francisco e sembra che la parola sia stata inventata e non abbia quindi un’ascendenza etimologica) già segnala un impressionante squilibrio culturale. Tutti sanno cosa sia la gelosia e come essere gelosi; solo una minoranza riconosce invece la possibilità di provare gioia nella soddisfazione affettiva e sessuale del partner – anche quando dipenda (in parte) da terze persone. La compersione è tutta qui: nel rifiuto degli stereotipi di possesso, esclusività e codipendenza tipici dell’idealizzazione romantica – che a conti fatti è un fenomeno storicamente recente, vecchio appena di tre secoli – per un ritorno a un’idea di relazione etologicamente meno complicata. 

Il piacere maschile.png

Un individuo compersivo è felice della felicità della persona amata, che riconosce come indipendente da sé. Allo stesso modo, rivendica la propria indipendenza non per egoismo, ma con la consapevolezza che per contribuire positivamente a un rapporto è necessario essere innanzitutto risolti e soddisfatti a livello personale. In quest’ottica la paura di venire abbandonati o sostituiti non ha motivo di esistere, sebbene, come accennato, teoria e pratica non sempre coincidano.

La soluzione adottata dalle comunità poliamorose consiste, come spesso capita in questi ambiti, nell’incoraggiare il dialogo con un’amplissima attività di divulgazione e supporto tramite libri, conferenze, forum online, incontri sociali e convention. In Italia la più importante è la OpenCon organizzata dall’associazione Reti, che nella giornata di apertura impone a tutti i partecipanti di seguire una serie di sessioni di orientamento in cui vengono ribaditi principi e tecniche per una convivenza armoniosa – e che comunque mette a loro disposizione un servizio di assistenza psicologica a tempo pieno durante l’evento. A detta dei veterani, osservare l’esempio concreto di chi ha già interiorizzato la compersione e si muove serenamente fra centinaia di potenziali “usurpatori” è la medicina migliore per chi ancora soffre i morsi della gelosia. Qui è anche dove si può constatare come siano proprio le coppie meno possessive ad essere le più longeve. O, come dicevano le nostre nonne: «Lasciare il fidanzato libero è il modo migliore per star sicure che torni sempre a casa». Pare valga anche per le fidanzate. Buffo riscoprirlo in un contesto così, no? 

Ayzad è il più attivo divulgatore italiano nel campo delle sessualità alternative. Autore di diversi testi di riferimento sul tema, è personal coach e nel 2017 è stato nominato fra i 5 sex blogger più influenti al mondo, per il suo sito www.ayzad.com.

Questo articolo è di Ayzad - ed è presente nel numero 276 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto