5 condizioni che impediscono di ottenere risultati dal web

Oggi per un professionista della salute è limitativo esaurire il proprio operato all’attività di studio, sottovalutando le potenzialità del web.

5-condizioni.png

La grande differenza che esiste tra i professionisti della salute che ottengono risultati dalla comunicazione online e quelli che non ne ottengono risiede nel fare. Agire e iniziare a comunicare è il vero punto di svolta perché segna il passaggio dal gruppo silenzioso di professionisti che credono che il loro lavoro finisca con l’attività di studio al piccolo gruppo di professionisti che ha ben compreso come la comunicazione sul web sia a tutti gli effetti parte integrante del lavoro.

In realtà, c’è anche un terzo gruppo di professionisti. Al momento, non comunicano, ma hanno ben compreso il potenziale derivante dall’utilizzo del web e dei social media. Sono pronti a mettersi in gioco, ma qualcosa li frena e così rimandano a domani una scelta che avrebbero potuto fare ieri. I consigli che seguono sono per loro; stavolta, infatti, analizzeremo gli elementi più comuni che frenano molti professionisti nella fase iniziale, quel momento in cui dipende solo da noi stessi se buttarci o meno.

 LA CRITICA DEI COLLEGHI.  Questa è una paura che tocca in particolar modo quelle figure professionali che vivono un forte senso di appartenenza alla categoria. In questi casi l’idea che colleghi e addetti ai lavori possano trovare difetti, imperfezioni e criticare per ciò il nostro lavoro è inaccettabile e tanto basta a bloccare sul nascere idee e buoni propositi. (CONTINUA..)

Premium

Vuoi leggere la versione completa dell’articolo?

Accedi al sito se hai già un abbonamento alla rivista oppure personalizza il tuo piano e abbonati subito.

Accedi

Contenuti esclusivi per abbonati alla rivista:

5 condizioni che impediscono di ottenere risultati dal web

Questo articolo è di Alessio Beltrami, Luca Mazzucchelli ed è presente nel numero 273 della rivista. Consulta la pagina dedicata alla rivista per trovare gli altri articoli presenti in questo numero. Clicca qui per leggerlo tutto